Pronti a salpare (Remix). Testo e musica di Roberto Caldara.

 

Siamo pronti a viaggiare di corsa verso il mare, no codici e toga in sacca

con voglia di star bene in allegria, noi della Iuris Cup

Ritornello:

Timonando un po' orzando, timonando un po' poggiando

sempre sognando di planar di poppa e vincere la coppa

di stringer la bolina con la boa che si avvicina

noi non molliamo sai

amici più che mai.

Gli Avvocati con gli amici siamo felici, senza udienza in Tribunale

E con onde acqua e sale su cui poter volare

lasciamo tutti in scia e poi in banchina a festeggiar con la sangrìa

Ritornello:

Timonando un po' orzando, timonando un po' poggiando

sempre sognando di planar di poppa e vincere la coppa

di stringer la bolina con la boa che si avvicina

noi non molliamo sai

amici più che mai.

Pronti a salpare dal pontile, tutti con grande stile

bordeggiando bordeggiando, stiamo cercando

qual è il punto migliore per partire vincitore

con la barca sbandata, la regata è iniziata

che figata, la vela non va mai lascata

Ritornello:

Timonando un po' orzando, timonando un po' poggiando

sempre sognando di planar di poppa e vincere la coppa

di stringer la bolina con la boa che si avvicina

noi non molliamo sai

amici più che mai.

Aperitivando e festeggiando, vediamo il sole tramontare

sempre pronti a veleggiare e in allegria cantare

con l’aiuto del Consiglio navighiam miglio dopo miglio

brindando all’amicizia che ci porta sempre là, a sognar la Iuris Cup

Ritornello:

Timonando un po' orzando, timonando un po' poggiando

sempre sognando di planar di poppa e vincere la coppa

di stringer la bolina con la boa che si avvicina

noi non molliamo sai

amici più che mai.

Io non so perché (testo e musica di Roberto Caldara)

Nell’ attesa che tutto inizi, siamo qui che aspettiamo Frizzi

quando arrivan le professoresse, il cuore lancia un SOS

5 – 4 – 3 dalla regia e in studio è già magia

da Cinecittà va in onda l’Eredità

Ritornello: Ed io non so perché, ma quando ho visto te

tutte le frecce di Cupido hanno colpito me

la tua bellezza è stata una carezza al cuore che non si può più cancellare 

non si può dimenticare.

Ho pensato e ripensato a cosa poterti dire

per potermi presentare senza essere banale

ti ho mandato quel settimanale che parlava di me

da lontano hai sorriso ed ho visto com’è fatto il Paradiso.

Ritornello: Ed io non so perché, ma quando ho visto te

tutte le frecce di Cupido hanno colpito me

la tua bellezza è stata una carezza al cuore che non si può più cancellare

non si può dimenticare.

Non  so se questa storia ce la farà ad uscir dai miei sogni e diventar realtà

ma è già pura emozione che mi fa volare a 1000 all’ ora

il suo nome è Eleonora…

Io non so perché - Roberto Caldara
00:00 / 00:00

 Non ti conoscevo, ma già ti pensavo (testo e musica di Roberto Caldara)

 

Quando penso a te nulla ha più senso per me, quando ti vedo sai non ci credo perché sei la donna più bella che c’è, vorrei parlarti di me, ma poi il coraggio non c’è.
Non ti conoscevo, ma già ti pensavo sai io ti sognavo, ma non ti vedevo e quando sei arrivata tu, sapevo di amarti di più.
Tu mi guardi un po’ con quegli occhi tuoi, io sorrido e poi penso un poco a noi, tu non giurare mai che dimenticherai tutto quel che sai di me, perché
Non ti conoscevo, ma già ti pensavo sai io ti sognavo, ma non ti vedevo e quando sei arrivata tu, sapevo di amarti di più.
Confesso a te il mio amore che mi sta spezzando il cuore, non riesco più a dormire e tu non vuoi capire che questa mia canzone ti voglio dedicare perché mi fai morire.
Non ti conoscevo, ma già ti pensavo sai io ti sognavo, ma non ti vedevo e quando sei arrivata tu, sapevo di amarti di più.

Non ti conoscevo, ma già ti pensavo - Roberto Caldara
00:00 / 00:00

La chitarra (testo e musica di Roberto Caldara)

 

Da ragazzo, poca voglia di studiare 

e poi un giorno cominciai a sognare 

quelle sei corde con cui suonare

tutto l'amore che provo per te, ah, ah, ah

La chitarra, la voce del cuore va

una stella si illumina già, ah, ah, ah

e volare come un airone, 

sul cielo blu che si chiama amore, ah, ah, ah

Chi diceva, cerca un maestro 

che ti faccia imparare come devi suonare

ma io ho imparato da solo perché

io volevo cantare di te, ah, ah, ah

La chitarra, la voce del cuore va

una stella si illumina già, ah, ah, ah

e volare come un airone, 

sul cielo blu che si chiama amore, ah, ah, ah

E mio padre mi diceva di studiare

di non perder troppo tempo a suonare

ed io facevo finta di approvare

ma poi senza troppo esitare

la mia mente correva a volare

La chitarra, la voce del cuore va

una stella si illumina già, ah, ah, ah

e volare come un airone, 

sul cielo blu che si chiama amore, ah, ah, ah

 

Il filo dell'amore (testo e musica di Roberto Caldara)

 

L'amore, un filo che mi porta fino a te

cuore, amore, un nodo dentro me

e ti dico che, se potessi raccontare 

al tuo cuore quel che penso di te

non finirei mai perché

io sono pazzo di te

Il filo dell'amore si scioglie dentro te

mentre mi stringe e ferma il cuore un istante, ma non muore

Tu mi dici hai la mia amicizia, ma tu lo sai questo non mi basta 

e tu scocchi quella freccia e mi centri dritto al cuor

Il filo dell'amore si scioglie dentro te mentre mi stringe e ferma il cuore

un istante, ma non muore

La tua foto sto guardando sai e tu sei bella più che mai

una musica suona in me e una voce mi dice che

non esiste un'altra te

Il filo dell'amore si scioglie dentro te

mentre mi stringe e ferma il cuore un istante, ma non muore

 

 

 

Il deserto del chi lo sa (testo e musica di Roberto Caldara)

 

È arrivata primavera sembra che tutto cambierà, il tempo dell’estate è quasi già la pioggia dei perché su di me scenderà, ma io sono nel deserto del chi lo sa. Volo con la fantasia in un’oasi di parole bevo sogni sai d’amore e ti canto una canzone poi appare il mare dei tuoi occhi vorrei nuotare, ho paura di naufragare nel mare dell’amore. Mi sto ancora chiedendo se ti piace almeno una cosa di me, cosa hanno lui e gli altri che non riesci a trovare in me o se stai solo aspettando che io ci provi con te, lo dica a te che mi piaci, lo dica a te. So che ti potrà sembrare strano che abbia paura che te se ci provo possa dirmi che non senti niente per me, so che non esiston certezze bisogna rischiare, ma tu dammi un segno non un sogno che il tuoi cuore parla di me. Parole, fantasie che ti portano il cielo e il mare, tu se vuoi puoi avere un’intera canzone perché sei il cielo il mare sei l’amore tutto questo sei per me, lo dico a te.
Mi sto ancora chiedendo se ti piace almeno una cosa di me, cosa hanno lui e gli altri che non riesci a trovare in me, forse stai solo aspettando che io ci provi con te, lascia che ti dica cosa sei per me, cosa sei per me.

Sinfonia di primavera (testo e musica di Roberto Caldara)

 

La primavera tinge il cielo di blu, ma sai se non ci sei tu

Non vedo gli occhi tuoi blu colorare il cielo lassù

Il mio cuore piange lo sai

E pioggia a primavera vedrai e poi quando tu ci sarai,

ti dirò non lasciarmi mai

Tu che mi porti via il mio cuore che vola via

Tu sei la mia sinfonia e lascia che sia poesia

In questo dolce momento, sento sfiorarmi dal vento sai non c’è nessun pentimento, mai per quello che sento per te…

La chitarra - Roberto Caldara
00:00 / 00:00
Il filo dell'amore - Roberto Caldara
00:00 / 00:00
Il deserto del chi lo sa - Roberto Caldara
00:00 / 00:00
Sinfonia di primavera - Roberto Caldara
00:00 / 00:00

Se...se...se... (testo e musica di Roberto Caldara)

 

Se il cielo sfiorasse il mare o un’onda potesse volare

comincerebbero a ballare nell’ infinito immenso.

Se io son qui che penso di atterrare con un jet

o conquistare il cuore di una donna col fascino di Al Pacino o di James Bond.

Se sogno di guidare un bolide come K.I.T.T. di Supercar

non mi lasceresti andare via, ma questo chi lo sa.

Se Atlantide la città perduta avesse ancora vita

potrei andare all’avventura in una terra sconosciuta.

Se le stelle cadenti esaudissero tutti quanti

io avrei baciato te già da molti anni.

E se gli extraterrestri fossero amici nostri

salirei sulle astronavi per incontri sempre nuovi

avremmo tecnologie più moderne ed ingegnose

ti porterei la luce delle stelle, non rose e cioccolato

prenderei in prestito per te la luna e se fossi un condottiero

il principe di un regno vero, il mondo sai lo vorrei più sincero.

Se...se...se... tu non sei con me

spiegami perché il mio cuore pensa solo a te, gli manchi te

Se fra tutti questi se dovessi scegliere, sceglierei solamente te.

Se...se...se... - Roberto Caldara
00:00 / 00:00